ROMA – INAUGURAZIONE ANNO GIUDIZIARIO 2021: LA CASSAZIONE CHIEDE LA RIFORMA DELLE COMMISSIONI TRIBUTARIE

Relazione inaugurale del Primo Presidente della CASSAZIONE, Pietro CURZIO: 53.482 cause affliggono la SEZIONE TRIBUTARIA alla fine del 2020, numeri di nuovo in crescita.

E’ risultato inutile ogni tentativo di correggere la tendenza ormai cronicizzata: “Il numero degli annullamenti di decisioni delle Commissioni tributarie regionali è pari al 45,6%. Si tratta di un dato nettamente superiore a quello degli annullamenti delle decisioni dei giudici civili di secondo grado. Un dato che dovrebbe indurre a concentrare l’attenzione sul problema a monte dei giudizi di legittimità e a pensare a riforme dell’appello tributario che consentano a quei giudici di svolgere il loro lavoro a tempo pieno e in via esclusiva al pari di altri giudici specializzati, perché il diritto tributario è ormai uno dei settori più complessi e impegnativi dell’esperienza giuridica e il relativo contenzioso pone problemi di rilevante peso economico e di particolare delicatezza per cittadini, imprese ed erario. Solo operando in tal senso è ipotizzabile che il numero dei ricorsi che investe la Sezione tributaria della Corte si collochi a livelli fisiologici e che, per questa via, si possa conseguire un riequilibrio tra sopravvenienze e decisioni, che a sua volta incida positivamente sulla situazione complessiva della Corte”.

Per il Primo Presidente, insomma, solo la RIFORMA DELLA GIUSTIZIA TRIBUTARIA può risolvere il problema.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.